giovedì 22 gennaio 2015

Nostalgia

Sono una persona abbastanza nostalgica e con una spiccata mania di controllo, quindi ripenso spesso al passato e odio dimenticare i particolari, mi sembra che non ricordandoli possa perdere una parte di me.
Stasera è una delle mie serate nostalgiche quindi ho deciso che dovevo trovare il modo di recuperare da Facebook tutte le conversazioni. Ci sono riuscita e mi sono subito tuffata nei ricordi.
Le ho trovate in ordine cronologico: dalle più vecchie alle più recenti.
In quelle conversazioni c'è tutta la mia adolescenza: ci sono le amicizie, i ragazzini che non avendo il coraggio di parlarti a voce ti scrivono (per dovere di cronaca voglio aggiungere che li ho sempre rifiutati perché mi sembrava una cosa triste iniziare una relazione in questo modo), ma ci sono anche anni di conversazioni con Moroso (un giorno o l'altro racconterò anche di come ci siamo conosciuti e messi insieme).
Rileggere mi ha fatto venire una nostalgia terribile. Mi sono resa conto di essere cambiata molto. Ero (e un po' lo sono ancora) fragile, avevo paura di essere ferita e abbandonata. Non solo io sono cambiata, tutte le persone intorno a me. Non immaginavo che in pochi anni si potesse cambiare così tanto, nelle parole che leggo non riconosco nessuno delle persone che mi circondano, mi sembra che quelle parole siano state scritte in un'altra vita, da altre persone.

1 commento:

  1. spesso ho la tua stessa senzazione..ed anche io ogni tanto mi rituffo nel passato,anche se è doloroso,ora mi sembra un brutto sogno...io sono completamente un'atra..e non mi dispiace.Se alcune persone rimangono sempre uguali a se stesse peggio per loro..o non riescono ad evolvere,non ne sentono il bisogno,oppure gli va bene essere esattamente come sono...ogni storia è a se stante.. buona giornata.

    RispondiElimina